Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

mercoledì 28 dicembre 2011

Le case di Barbie

Abbiate pietà di me.
Potrei parlare per ore ininterrottamente delle cose in mio possesso di Barbie.
E' inutile chiedervi se la ricordate.

E' scientificamente provato, che persino i maschietti almeno una volta nella loro vita, c'hanno giocato.

Ma prima di parlare delle mie Barbie.
Volevo parlare delle loro case.
Di quelle con cui ho giocato io, almeno.
Si perché se per un periodo, le mie barbie -con l'unico Ken - hanno vissuto random dove capitava:
Una cesta. Una borsa. Il tappeto.
Ad un certo punto, mi è stata regalata la "La Casa di Barbie" :

Era alta tre piani.
Di cartone, ma con l'ascensore.
Si, il famoso ascensore cordicellato, fuxia.
(In questa foto è giallo, ma io, anche dalle mie amichette, l'ho visto sempre rosa. U_U)
Insomma, bella!
Era alta quanto me all'epoca.
Aveva il pavimento giallo a quadretti.
E per indicare le stanze, sullo sfondo, c'erano delle foto giganti, rappresentanti: una cucina, una sala da pranzo, un salotto e una camera da letto.
Il bagno non era contemplato, poteva farla sul tetto, in effetti.
Questa cosa della rappresentazione, non m'è mai andata giù.
Un po' perché poi di fatto i mobili io li avevo già, a prescindere dalla casa.
Per esempio la mia cucina, non entrava di certo nel bugigattolo -con foto- che avevano fatto loro.
E dovevano prevederlo.


Io infatti di cucina, avevo questa:


Ed ero costretta, a tenerla fuori dalla casa. Vi pare una cosa giusta?
Io poi sono sempre stata fissata con i piccoli particolari, e la cucina dei sogni, è stata quella che mi ha dato maggior soddisfazione.
Aveva tutto, ma proprio tutto... ma di questo ne parlerò in un altro post, che merita approfondimento.

La mia cucina, non entrava nella casa.
E io ero convinta che dovevo seguire quello che c'era nelle foto dietro, mica mi passava per la testa, di mettere il cucinotto dove doveva andare il tavolo.
Almeno i primi tempi, mi limitavo a mettere la cucina accanto alla zona cucina.
Poi si sa, tutto cambia...anche il fatto di poter trovare il divano nello spazio della cucina.
Se ne avessi una ora, farei probabilmente anche una rudimentale carta da parati.
Comunque, tempo dopo uscì anche la versione 2 piani. Ma non l'ho mai vista.
Del resto avevo ancora questa incolonnata che vagava dalla mia camera alla sala.
Ricordo che negli ultimi anni era finita in terrazza, e il  mio gatto dormiva pomeriggi interi al piano terra.

Il piccolo problema era che, se avevi casa "fissa", non potevi portarla in giro.
C'era anche la possibilità di farle vivere in un camper, oppure c'era questa che era compattissima:

La casa richiudibile.




Praticamente si riduceva a poco più di una scatola.
Aveva tutto eh. 
Da un lato la camera da letto e dall'altro mi pare una specie di cucina.
Il bagno ancora no.
Ricordo di averci giocato svariate volte.
Non l'avevo io personalmente,però.





Come, non avevo io personalmente questa:


La super villa altresì conosciuta come:

"Casa di campagna di Barbie". 

Questa l'ho invidiata per svariati anni alla mia vicina.
Ci giocavamo tanto e sempre eh, anzi, lei -fortunella- aveva anche la versione col tetto rosso,
che diventava tipo tutta terrazza sopra...ma poi l'ha sostituita con questa tutta schifosamente rosa.
Quindi si, lei, due ville. Ed erano grandine!
C'era un sacco di posto.
Anche per il bagno stavolta..con tanto di  vasca che faceva le bolle -che sicuramente era venduta a parte- e ricordo, che lei aveva anche una specie di patio con dei  vasi pieni di rose di plastica e rampicanti.
Erano per  il giardino dove potevano, volendo, anche fare il barbecue.
E che non fai fare il barbecue a quel fissato di Ken!? Suvvia!

Io ero invidiosissima soprattutto dei vantaggi della villa eh, lo ammetto.
Ammetto di aver supplicato i miei più e più volte, ma ottenevo sempre come risposta che quella casa non aveva niente di meno.
E quando ho iniziato a puntare sul fatto che non ci fosse spazio a sufficienza, me ne è arrivata una di seconda mano, uguale a quella che avevo già, da poter collegare assieme.

Praticamente se prima le mie Barbie non solo avevano 1 uomo in 15, (ma sotto quel punto di vista, le cose poi sono andate migliorando)  vivevano in un appartamento scomodissimo, su tre piani, con l'ascensore cordicellato, e non comodamente in una villa super accessoriata con una stanza a testa, e un sacco di finestre, ad un certo punto, si sono ritrovate in una sorta di "casa popolare".
E' la vita.

Almeno era  tutto arredato con stile.
Eh si perché , avendo una sorella più grande, ero in possesso di mobilia vintage, tipo questa:















Roba di un certo livello..insomma.
Voi donnine care,  mi rivolgo a voi direttamente, eravate tra le fortunate con la villa?
 Le vostre barbie erano più tipe da camper?
Avevate anche voi l'appartamento con il mitico ascensore?



22 commenti:

  1. ahhhhh che ricordi *___*
    io ho avuto sia la casa di cartone a tre piani che quella a 2 piani, che in effetti era meglio perchè ci entrava la mega cucina! quanto mi piaceva quella cuicna con tutti gli accessori, era perfetta!!! la villa non l'ho mai avuta.. però avevo il camper :D e anche la cameretta vintage :D

    RispondiElimina
  2. Dopo aver postato, mi è tornata in mente la televisione verde girevole,con l'immagine di barbie dentro. Che ovviamente faceva coppia con il salotto. :D

    La cucina è splendida...ed era così piena di accessori che ne parlerò in un post a parte, promesso!Tra l'altro credo di avere il pollo e le casseruole ancora da qualche parte.. :DDDDD il resto l'avrà fatto sparire mia mamma! ^^"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le barbie---ke bellissimi ricordi..ogni tanto mi intrufolo nei tuoi blog xke mi fai venire nostalgia.
      adesso ho visto questo con le case delle barbie, io avevo quella a due piani e anke il mio ascensore era rosa, nn vedevo l'ora di avere una bimba x rifarmi di 12 anni con il primo figlio e dragon ball!!
      adesso la mia bimba riscopre vekki giochi (quelli nuovi costano troppo...e ha anche 2 mie barbie original anni 80!!
      a presto

      Elimina
  3. Io sono tra le fortunate ad aver avuto la villa di barbie...ed ora rileggendo il tuo post mi sono affiorati mille ricordi...aspetto con ansia che la mia bimbina di soli 2 anni inizi anche a lei a giocare con le barbie e forse riaprirò anche la mia vecchia villa...very very vintage!!

    RispondiElimina
  4. Ah la villa di Barbie, anche io sono tra le poche fortunate ad averla avuta e ad averla ancora, questo perchè una cuginetta l'ha scartava in favore della casa dei sogni che hai tu, anche io ho trovato la mobilia all'interno ma non sò se era compresa o no, anche il bagno con le bolle c'era. Ci ho giocato sempre da bambina con le mie amiche, era il riscatto, non avevo Barbie originali ma avevo la casa, quindi le mie amichette venivano da me, poi sono arrivati, sempre dalla cuginetta: il camper, la piscina, il cavallo con la carrozza, la ferrari rossa, il negozio con la scala mobile, la nave, un saccone di vestitini e il salone di bellezza. Tutto rigorosamente Barbie, insomma io avevo tutto tranne che le Barbie, poi finalmente è arrivata la Barbie superchioma comprata con i miei risparmi e nella casa ci stava solo lei, ma la festa è durata poco perchè dopo qualche tempo abbiamo smesso tutte di giocarci ed è finita sul solaio con tutto il resto.

    RispondiElimina
  5. Bellissimo post... a me la villa di barbie l'avevano regalata per Santa Lucia, la mattina l'avevo trovata montata in fondo al letto... un sogno... sono ancora grata ai miei tutt'oggi perchè anche allora costava un bel pò, cmq la mia non aveva i mobili del bagno, per il resto era abbastanza accessoriata... la cucina aveva un bel frigo all'americana con molti accessori, c'era il forno il tavolo con il piano girevole da una parte carta specchio e dall'altra il vassoio girevole al centro, il divano che si trasformava in un comodo letto... avevo vissuto un piccolo dramma quel giorno che nel ripiegarlo i gancini si erano rotti, il tavolino, la televisione, la camera era quella che hai messo la foto escluso l'armadio che nella villa era a "muro" agganciato dall'esterno, erano più le volte che cadeva... poi dopo qualche anno mi era stata regalata anche a me quella cucina... mi sembra di sentire ancora il trillo che faceva quando si chiudeva il forno... ^_^ quanta nostalgia... :)

    RispondiElimina
  6. Bellissimi!! Ne ho molti uguali, certo che giocarci da bambina era tutta un'altra cosa <3

    RispondiElimina
  7. Allora... mi prudono le dita per tutto quello che voglio scrivere!!
    Io avevo esattamente 3 begli scatoloni, uno conteneva tutte le Barbie (1 Ken, Alan, il Ken moro di capelli), un'altra tutto il mobilio, e un'altra tuuuuutti i vestiti :-D

    Per quanto riguarda la casa.. io avevo la casa con l'ascensore, ma non come quella che avevi tu, a 3 piani, che era la versione più vecchia a quanto pare (non me la ricordo nemmeno), ma avevo quella a 2 piani, con quell'ascensore fucsia che andava su e giù con la cordicella, scomodissimo ehehe e come dici tu anche io ODIAVO quelle stanze prefissate, dove non ci stavano nemmeno i mobili!!
    La mia migliore amica dei tempi, mannaggia a lei, era piena di soldi, aveva una casa enorme, e nella sua mega cameretta aveva la mitica VILLA di Barbie.. anche io l'ho ivnidiata per anni e supplicato mamma e papà di comprarmela ma niente da fare.. costava ed era troppo ingombrante.. :-(((
    La cucina come avevi tu, me la ricordo, ma non so se ce l'avevo oppure no.. mi ricordo i particolari dei bicchieri appesi all'ingiù, il minifrigo ma non so se ce l'avessi.. una cucina ce l'avevo sicuro!!
    Avevo il letto con la coperta bianca con le rose... e il camper! Si, quello lo avevo, e mi ricordo benissimo la domenica a pranzo quando veniva la nonna che mettevo il camper sul tavolo e facevo fare il pic-nic alle Barbie mostrandogliele.. quanta nostalgia.. e cmq ho ancora tutto in solaio.. un giorno devo decidermi a frugare in mezzo alla mia infanzia.. :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora... io la versione a 2 piani la ricordo, ma non l'avevo io.
      Avevo anche il letto a baldacchino, con il tendaggio a pallini, che di notte si illuminava. Ingombrantissimo. ^^"
      Il camper no, però. E nemmeno le macchine. Ma nemmeno di seconda mano, eh.
      Le mie donnine erano destinate ad andare a piedi. Al limite però, potevano prendere il cavallo. Di quelli ne avevo almeno tre. :P

      Elimina
    2. Ancora oggi ho la villa dei sogni di Barbie....ricordo che la desideravo tantissimo, a tal punto da esserne ancora "gelosa" , la conservo con tutti i mobili e tutti i piccoli oggettini, credo di non aver perso nulla! Bei ricordi....

      Elimina
  8. Quell'enorme casa rosa è la villa di campagna, la casa di campagna è quella del video (splendidamente gialla, bianca e rossa, altro che quel nauseante rosa ovunque ç_ç) :-)
    Una mia amica aveva la casa di campagna e io amavo il fatto che avesse le porte ^^ la camera da letto era arredata con gli stessi mobili vintage di tua sorella, salvo il divano. Al suo posto c'era un'improbabile e gigantesco cassettone che fungeva da consolle computer. Rosa anche lui -_-*
    Un'altra mia amica invece aveva la casa a tre piani e la casa richiudibile (love *.*) che hai tu e sono contenta di averle finalmente ritrovate sul tuo blog, perché pensavo di essermele sognate XD
    Io avevo la casa a due piani, quella con ascensore e terrazzo. Anche lì ambienti disegnati e coperti con i mobili che avevo già di mio... Urtava i nervi anche a me e mi urtava ancora di più che sul retro della casa fosse disegnata una porta d'ingresso, che sul davanti coincideva col disegno del lavello! Ogni tanto usavo il sottotetto per rinchiuderci le povere Barbie-vittima. Sempre storie allegre io e le mie amichette... E che vuoi, cresciute a Candy Candy e Dolce Remì, che poteva venir fuori?!
    Ma alle tue barbie nella casa popolare è andata meglio che alle mie: dovemmo traslocare e la mia casona nel nuovo appartamento non ci stava... Così le mie Barbie dovettero adattarsi a vivere in camper! XD
    Comunque fantastico questo articolo, mi ha smosso un sacco di ricordi, grazie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il blog è nato proprio per questo, grazie a te! :)
      E comunque ho il forte sospetto, che le tue barbie nel loro camper si siano divertite più delle mie nella casa popolare!! ;D

      Elimina
  9. Cercavo info su una casa di Barbie in particolare e mi è uscito fuori il tuo blog.. che dire, ho letto questo post e mi sono divertita molto oltre ad aver fatto un tuffo nei ricordi ;) Io, per tua sfortuna, sono tra quelle che possiede la villa, versione rosa, tutta accessoriata. Mio papà me la regalò quando compii 5 anni :3 L'ho sempre adorata, quindi capisco la tua invidia xD Avendo questa non arrivò nessun'altra casa, solo il camper a 9 anni. Quella con l'ascensore comunque non mi piaceva per niente! Ti devo seguire per forza adesso, non ho scelta :p baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seguici Seguici! (Grazieee! :) )
      Invidia enorme per la villa rosa superaccessoriata, ma anche per il camper! :D
      Ho visto che ancora si trovano in giro, le case con l'ascensore comunque, devono aver avuto successo, alla fine! ( non piaceva per niente neppure a me!!!) ;)

      Elimina
  10. Ciao
    la casa a tre piani che avevi tu rigorosamente con ascensore rosa ce l'avevo anche io insieme a tutta la mobilia vintage (il divano vintage era troppo bello in confronto a quello in dotazione della casa). Poi mi venne regalata la casa studio di barbie che hai nella foto: da un lato c'era la camera e dall'altro l'ufficio. Poi magicamente (chi si ricorda l'anno in cui usci???) mi regalarono la casa di campagna, quella col tetto rosso. Era favolosa. Una mia amica aveva quella col tetto rosa che era anche piu bella ed era ancor piu grande e rimpiango di nn averla mai avuta. Poi avevo la vasca da bagno turchese che faceva le bolle e a seguire un'altra piu moderna rosa. Armadio. Letto a baldacchino. Camper e anche lo shopping plaza di barbie che aveva la scala con la manovella per farla sembrare una scala mobile. I miei nonni mi regalavano tante barbie. Ho avuto il motorino, il tandem e anche la cucina super accessoriata. Le mie barbie preferite erano barbie fior di pesco e luci di stelle. Che bei ricordi e che nostalgia. Non riesco a ricordare quale sia stato il mio ultimo gioco di barbie pero ora che sta iniziando a giocarci mia figlia mi viene tanta nostalgia! Ci giochero' con lei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Letizia! Prima di tutto, grazie per il commento!
      Quale Casa di campagna di Barbie, dici?
      Quella col tetto rosso, a forma di terrazzo gigante ( è del 1982 ed è grande come la dream house -quella rosa-) o l'altra che è leggermente più piccola ma con il tetto a punta come la versione rosa (che però è del 1977) ?
      La vasca con le bolle non l'ho avuta mai, ma la ricordo molto bene! :D
      Non posso fare a meno di notare, che alle mie barbie mancavano tutti i mezzi di locomozione...in compenso avevano 2 cavalli però. :)

      Elimina
  11. Io avevo quella col tetto rosso ma non ricordo l'anno in cui mi fu regalata....che nostalgia....ieri cercando sul web sono capitata in questa pagina...grazie per averci fatto rivivere certi ricordi. Devo frugare in soffitta per vedere se ho ancora qualcosa o se è stata fatta piazza pulita (in quel caso mi spiace perchè avrei voluto passare a mia figlia qualcosa).

    Ho visto l'attuale mega villa di oggi: 160 euro...mica poco eh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non riesco a ricordare i prezzi all'epoca, ma le ville, o le case più plasticose, in genere costavano di più…soprattutto rispetto alla casa di "carta".
      Si, ora sta su i 160 euro…per essere un giocattolo, decisamente costoso. :(

      Elimina
  12. Buongiorno a tutte. Ho analizzato i giocattoli anni settanta in un articoletto alcuni anni fa giungendo alla conclusione che la Villa di Barbie (Dream House – Maison de reve, in Italia comparsa nel 1979) rappresenta il massimo della qualità e dello stile di questi giocattoli. Infatti, le ville successive sono tutte di qualità costruttiva inferiore, lo stile ricopia case in stile ottocento oppure in quelle recentissime ricopia quella villa con una qualità e dimensione più scarsa. Le Dream House precedenti a quella Villa dal canto loro erano molto povere in cartone plastificato (simile alla Roulotte di Barbie, gialla negli anni settanta e rosa negli anni ottanta).
    La Villa di Barbie (Dream House – Maison de Reve) uscita in Italia nel 1979 era quella a tre sezioni in bianco/giallo/rosso-arancio, disponibile senza o con mobili (quelli moderni della serie Dream Furniture fine anni settanta : tavolo da pranzo azzurro, poltrona a righe colorate …). Quest’ultima all’inizio degli anni ottanta costava lire 250.000, l’equivalente di una mensilità di pensione minima. A fine anni ottanta-inizio novanta la Villa muta le parti colorate in rosa ed alcuni mobili diventano in stile come i nuovi set in vendita. E’ l’ultima versione prima che ne cessi la commercializzazione.
    Nei primi anni ottanta per renderla più abbordabile si introduce la Villetta di Barbie (senza mobili), che in pratica è formata dall’accostamento delle due ali laterali della Villa private della sezione centrale. Colori sempre bianco/giallo/rosso-arancio.
    Poco dopo (1983-1984) arriva anche la Casa di Campagna di Barbie, colori identici e stile simile, ma nuova forma assai più piccola. Nella versione chiusa coincide all’incirca col solo locale d’ingresso della Villa più una bassissima soffitta. Aprendo le pareti laterali e le falde del tetto la superficie interna si raddoppia o triplica, senza naturalmente arrivare alle dimensioni della Villa.
    La completamente diversa Casa di Barbie (Town House) di tre piani con fondale in cartone è apparsa in Italia a metà anni settanta cambiando nel corso degli anni almeno tre sfondi senza mutare forma.
    La coeva Casetta di Barbie di fine anni settanta/inizio ottanta è invece in pratica una valigetta pieghevole con maniglia che aperta simula due locali. Il letto con alcuni mobiletti quando è chiusa si pone nella sagoma arcuata e sporgente del finestrone.
    La qualità costruttiva di questa Villa di Barbie e l’originale eleganza del suo stile -ispirato alle belle abitazioni unifamiliari in voga allora, in cui i tetti spioventi con le loro pendenze ed aperture creavano costruzioni leggiadre ed armoniose –ne fa un mito irripetibile.
    Se avete domande sul questi giochi Mattel anni ’70 – ’80 sarà un piacere parlarne. Un caro saluto
    Milian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto, grazie del dettagliatissimo commento Milian!
      Io una domanda l'avrei, ma non su i giochi:
      Ma l'analisi sulla casa di Barbie l'hai fatta per "studio" o per "passione"? :)
      E se è per studio… cosa studi?? :O
      Scusa l'invadenza, ma questo genere di cose mi appassionano non poco! ^^"

      Elimina
  13. In realtà è stata un’analisi generale sui giocattoli di quel periodo semplicemente fatta per passione per una pubblicazione amatoriale. Faccio semplicemente l’impiegata. Mettici un po’ di nostalgia e una passione stratosferica per tutti questi giochi Mattel della mia infanzia ed ecco il risultato. In ogni caso avevo proposto ai miei di rinunciare a tutti i regali dell’anno per la Villa, ma mi hanno fatto comprendere giustamente che per un giocattolo era una spesa davvero eccessiva. Lire 195.000 nel 1979, fate le debite proporzioni e vedrete che le Ville di Barbie di oggi sono tutte più economiche. Altri sfizi =vedere le differenze tra le vetture di Barbie su modelli Corvette lievemente diversi, la Dream Vette (rosa) e la Super Vette (gialla, quest’ultima filoguidata). Oppure le differenze tra gli analoghi giochi di Big JIm.
    Nella Villa c’era anche un tavolino come quello del salotto in vendita a parte, ma dell’esclusivo colore rosa, anzicchè verde. Allo stesso modo lo schienale dell’identica poltrona era rosa – non verde - e nella fantasia rigata del tessuto predominavano i toni del verde anzicchè quelli del rosso/rosa.
    Anche questi divani e poltrone, simili ai fantasiosi reali modelli anni settanta, mi son sempre piaciuti da matti e ancora mi piacerebbe che esistessero in scala reale, magari in colori più tenui che ne dici ?
    Salutoni, Milian

    RispondiElimina
  14. Che bello ! Io avevo il divano a strisce rosa col tavolo verde (che convertivo in vasca da bagno e specchio :P ) e la scrivania della stessa serie, con il puff sempre a strisce ... E avevo una barbie, la party time ... Non avevo molti vestiti, forse cinque o sei ...ma quanta felicità !

    RispondiElimina