Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

venerdì 12 aprile 2013

Il barattolo che muggisce

Non so quanti di voi se lo ricorderanno, ma era un gadget che regalavano con la carne Simmenthal e che portava all'esasperazione i nostri genitori: il barattolo che muggisce.
Il meccanismo credo sfruttasse la gravità per spostare un peso al suo interno, ma so di certo che bastava capovolgere il barattolo (esattamente uguale a quello della carne in scatola) e rimetterlo in posizione normale per far partire il muggito. Una gran cretinata, penserete... ma noi ci accontentavamo di poco. Credo proprio di averlo fatto funzionare fino allo scaricamento delle batterie (era nostra abitudine di sfruttare un gioco fino allo sfinimento, o alla sua distruzione :P).

Vi lascio un video del funzionamento:


Vi riporta qualcosa in mente? Voi mangiavate la carne Simmenthal (o Tinsemmhal, come diceva il bimbo della pubblicità)? La mangiate ancora?

A presto.

5 commenti:

  1. ahahaah me lo ricordo.. me ne ricordo anche uno uguale ma invece dell'immagine della scatola simmenthal aveva un cielo e le colline.. mah! cmq che ridere, a pensarci ora, il senso qual'era??
    ahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il senso era quello di ipnotizzare i bambini e far perdere la testa ai genitori... ahahahahah :P

      Elimina
  2. Io adoravo questo suono... inquietante, ma molto evocativo! I miei genitori avevano i negozi e io collezionavo tutti questi oggetti. L' espressione "ci accontentavamo di poco" mi fa capire che quello che avevo io, anzi quelli che avevo io, che evidentemente non mi accontentavo di poco, tra Barbie e chi più ne ha più ne metta, comunque non doveva essere l'originale. I miei ricordi mi portno alla fine degli anni ottanta... indaghero! Nel senso che ne parlerò con mio padre.

    RispondiElimina
  3. Salve, l'originale, il primo modello risale ai primi anni 70....ne avevo uno ma non lo trovo più....peccato, spero di ritrovarlo anche perchè quelli che si vedono ora sono della fine anni 80 e non hanno lo stesso fascino....

    RispondiElimina