Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

mercoledì 3 aprile 2013

Il primo cellulare compie 40 anni

Era il 3 aprile 1973 quando Martin Cooper, ingegnere di Motorola, effettuava la sua prima chiamata dal primo cellulare della storia inventato da lui stesso di fronte a giornalisti e passanti in una via di New York.

Martin Cooper, classe 1928, è figlio di un immigrato ucraino cresciuto nella Chicago della grande depressione. Diplomatosi in ingegneria elettronica nel 1950, fu incaricato dall'allora presidente Jack Mitchell di portare a termine il progetto Radio Telephone System per la creazione primo telefono mobile.

Questo primo prototipo, il cui costo di realizzazione fu di circa un milione di dollari, si chiamava DynaTAC (Dynamic Adaptive Total Area Coverage), pesava 1,3Kg e aveva una batteria che durava 30 minuti, ma che impiegava 10 ore a ricaricarsi.

Dieci anni dopo, il 6 marzo 1983, veniva commercializzato il primo modello, il Motorola 8000X: dotato di ventuno grandi tasti, una lunga antenna di gomma ed in grado di garantire trenta minuti di conversazione con una carica di dieci ore (come il prototipo).
Veniva soprannominato "The Brick" (il mattone) per le sue dimensioni, e costava la bellezza di 4000 dollari circa (circa 9000 alla valuta attuale).

Curiosità: Per la creazione del telefono cellulare Cooper si ispirò al telefilm Star Trek in cui il Capitano Kirk usava un dispositivo analogo.

Per oggi mi limito a fare gli auguri al primo telefono cellulare, ma in un prossimo post dedicato voglio coinvolgervi e parlare un po' dei nostri primi telefoni cellulari (che, a noi, arrivarono molto più tardi).

Auguri telefono cellulare! E grazie Cooper per aver portato un grande contributo nello sviluppo delle comunicazioni.

Nessun commento:

Posta un commento