Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

martedì 7 gennaio 2014

I grandi marchi: Standa

E' iniziato da poco il periodo dei saldi... e ciò mi riporta alla mente quando ero bambino e si andava nelle vie commerciali il sabato pomeriggio a guardare le vetrine. Tra tutti i negozi, tappa fissa era senz'altro la Standa.

La Standa per me bambino era sinonimo di "giocattoli"... quindi quando si andava sulla Via Tuscolana (chi è di Roma avrà presente) e da lontano intravedevo quell'enorme insegna verticale provavo una forte emozione, perché significava spesso poter ricevere qualche regalino :D

Dalla strada si vedeva grossomodo così (purtroppo non ho trovato una foto d'epoca, e di mie non ne ho):


Ma facciamo un po' di storia:

Fondata nel 1931 con in nome di Magazzini Standard a Milano dal vecchio direttore della UPIM, cambiò il nome nel 1938 per via di Benito Mussolini, che durante la dittatura fascista vietava l'uso di ogni termine straniero. Per questo il nome fu cambiato in STANDA, quale acronimo di Società anonima Tutti Articoli Nazionali Dell'Arredamento e abbigliamento.

Dopo aver aperto diversi 124 filiali in tutta Italia, nel 1966 viene acquistata dal gruppo Montedison... e nel 1988, con oltre 250 filiali, la proprietà passa in mano al gruppo Fininvest.

Da quel momento la Standa ottiene, per ovvie ragioni, diversi testimonial televisivi tra cui spiccano Marco Columbro (con il diventato famoso slogan "beh ma allora ditelo no?"), Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, Lino Banfi ("effettivamende!").

Nel 1998 Berlusconi dovette vendere la Standa, in seguito al suo ingresso in politica, per la parte non alimentare al gruppo Coin (con riconversione di quasi tutti i negozi in Oviesse) e per quella alimentare ai gruppi Supermercati Brianzoli al nord e Gruppo Conad al sud.

Nel 2001 la parte alimentare, marchio Standa compreso, finirono in mano all'austriaca Billa. Il nome sparì man mano nel corso degli anni con riconversione nel marchio austriaco fino a scomparire del tutto nel 2012. Da allora la Standa rimane solo un ricordo.

Nel corso degli anni il marchio ha cambiato forma... ripercorriamo l'evoluzione con questa immagine:



Oggi mi fa tristezza ripensare che dove attualmente sorge l'Oviesse, un tempo c'era la mia beneamata Standa, paradiso di ogni bambino (per quanto riguarda il reparto giocattoli, s'intende!).

Vi lascio con la scena dell'orologio della Standa in Le Comiche 2, uno dei film in cui i celebri magazzini hanno fatto comparsa:

1 commento:

  1. C'è veramente tanto da dire sulla Standa... .che nostalgia, e quanta rabbia

    RispondiElimina