Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

mercoledì 11 aprile 2012

Goodbye, papà del mitico C64

Nei telegiornali non ne parlano, perché probabilmente è più importante l'ultimo tatuaggio di Belen o le dimissioni del Trota... ma domenica scorsa è venuta a mancare all'età di 83 anni una figura molto importante per noi nostalgici: Jack Tramiel, il papà del mitico Commodore 64.
Da noi tutti va a lui un ultimo saluto, e un grazie per averci donato il nostro primo vero home computer e home videogame.

Colgo l'occasione per parlarvi della storia della Commodore, e dei suoi "figli", visto che poi ho intenzione di trattare più in là la mia esperienza personale con questo meraviglioso mondo... ho talmente tanti di quegli aneddoti e singoli giochi di cui parlare che ci vorrebbero 5 o 6 post per citarli tutti :)

La Commodore International Ltd., comunemente nota come Commodore, è stata una multinazionale che ha operato principalmente nel settore dell'informatica e secondariamente nel settore dell'elettronica ed ha iniziato la sua attività nel 1962 producendo macchine per ufficio.
Tra la metà degli anni settanta e i primi anni novanta, vende decine di milioni di personal computer in tutto il mondo ed è una delle principali case produttrici di computer artefici della cosiddetta "alfabetizzazione informatica": per la prima volta nella storia, il computer passa da oggetto costoso e complesso a bene di consumo delle masse.
 Tutt'oggi detiene il record del computer più venduto della storia, il Commodore 64, venduto in tutto il mondo in oltre 17 milioni di esemplari, e che continua ancora oggi a vedere i suoi software girare sui telefoni cellulari.

Ma soffermiamoci su quest'ultimo:

Il primo C64
Il Commodore 64 (conosciuto anche come C=64) nasce come evoluzione del VIC-20 (forse qualcuno di voi l'ha avuto, ma io personalmente no) ed è stato annunciato nel 1982 (guarda caso, il nostro anno XD). Sin dall'inizio ha stracciato i suoi diretti concorrenti quali Atari 800 e Apple II, per via del basso prezzo di distribuzione (595 dollari in America, e 973500 lire in Italia... mica tanto basso poi, considerando gli attuali prezzi di pc e console).

Negli anni successivi sono state prodotte evoluzioni del C=64:
- SX-64, una versione portatile ma poco venduta;
- Commodore Plus/4, versione evoluta con molti più colori, ma flop di vendite perché non si potevano usare i programmi del C=64;
- Commodore 128, a 128 kb di RAM invece di 64, molto migliorato rispetto al precedente come potenzialità e con la possibilità di usare i software del 64. Sfortunatamente non ho avuto possibilità di provarlo;
- Commodore 64C, quello che avevo io, versione esteticamente più bella ma identico al C=64 originale.

La mitica schermata iniziale
Il Commodore montava un sistema operativo in Basic, con un'interfaccia che permetteva agli utenti più esperti di programmare direttamente in codice (io c'ho provato, usando vari libri, quando ero bambino)... ma la maggior parte di noi avrà usato semplicemente i comandi LOAD, LIST e RUN.

Così appariva la schermata, la ricordate?






Il rumorosissimo Datassette
All'inizio i programmi si potevano caricare o salvare solo su nastro magnetico tramite il Datassette, il registratore che durante i lunghissimi caricamenti faceva il fastidioso rumore di un vecchio fax, lo ricordate? E vi ricordate quando, dopo lunghe attese, dava il messaggio LOAD ERROR? Che nervi.
E i colori psichedelici proiettati sullo schermo durante il caricamento? Che nostalgia.




Drive Floppy 1541
In seguito uscirono i supporti floppy, da cui si faceva partire il gioco con questa stringa, vi ricordate?
LOAD "*",8,1
I caricamenti erano molto più veloci di quelli sulle cassette magnetiche, infatti ricordo bene che mi copiai la maggior parte dei giochi in cassetta su floppy disk proprio per far partire prima i giochi.




Stampante Commodore
Oltre ai dispositivi di memorizzazione c'erano anche i joystick in stile arcade (quanti ne avrò cambiati) e la stampante (di cui non vedo la molta utilità... forse per la stampa del codice dei programmi compilati).




Nel prossimo post vi parlerò di alcuni dei più famosi giochi per Commodore 64, e soprattutto di quelli che ho amato di più... posterò poi qualche foto del mio C=64, che fortunatamente ancora funziona benissimo ed è in ottime condizioni. Alla prossima!


1 commento:

  1. ^^" Io avevo quello lì nella foto.
    E anche il rumorosissimo "datacassette".E tanti tanti giochini.Era fantastico... ;___; Nostalgiaaaaa.

    RispondiElimina