Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

giovedì 21 giugno 2012

I pupazzi della TV: Dodò

Sin dagli anni '90, e ancora oggi, Dodò è la mascotte del programma per ragazzi L'albero azzurro ed è una marionetta Dodo (uccello tropicale ormai estinto) bianco a pois azzurri, che fa capolino da una porta dell'albero azzurro in cui vive, ed è doppiato da Oreste Castagna e animato da Gabriella Roggero (almeno questo nella prima edizione del programma negli anni 90). E' l'unico superstite dei "capostipite" del programma (che va in onda ancora oggi la mattina su Rai Due e Rai YoYo).

Il sito ufficiale del programma lo descrive così:

"Dodò, il protagonista del programma, è un pupazzo con le sembianze di un uccellino molto speciale, vive in un albero azzurro e altro non è se non l'alter ego di ogni bambino reale. Come ogni bambino, Dodò è ingenuo, vivace, simpatico, ma anche noioso e piagnucolone, studioso o scansafatiche. Ogni giorno vive avventure diverse, coinvolge amici, esplora mondi lontani, affronta paure e impara cose nuove." (Fonte: www.lalberoazzurro.rai.it)

Ai tempi in cui ero piccolo, l'Albero Azzurro era un bel programmino interessante, in cui si imparavano cose curiose... anche se non lo seguivo molto spesso (non ero un fan RAI da bambino... seguivo più la Fininvest o altre reti regionali).

Dodò sinceramente non era uno dei miei pupazzi preferiti... mi dava fastidio soprattutto il fatto che non si spostasse mai da quell'ingresso (beata ingenuità fanciullesca).

Non posso aggiungere molto, non avendo aneddoti legati a questo personaggio o alla trasmissione, però la sigla dell'Albero Azzurro di allora (che è molto meglio di quella attuale) ce l'ho ancora stampata in testa. Ve la lascio qui:


Post lampo... ma con questo caldo, non posso dare di più. Alla prossima :)


Nessun commento:

Posta un commento