Ti piace il nostro blog? Clicca "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook!

Visita la sezione delle foto dei fans!

Hai oggetti da vendere? Visita il nostro mercatino!

Visitaci ogni lunedì per la rubrica: Lunedì Film!

Visitaci ogni mercoledì per la rubrica: Le pubblicità di Topolino!

Visitaci ogni domenica per la rubrica: Il video della domenica!

sabato 1 dicembre 2012

Spauracchi e Leggende 1#

Avete presente tutte quelle cose che, da piccini, ci dicevano spesso per farci spaventare e per farci evitare comportamenti "ineducati"?

Quella che ancora sento maggiormente, rivolta ovviamente ai più piccoli, è quella sul fatto che Babbo Natale se fai il cattivo, non ti porta regali.

Sad sad Story.

Poi in questo periodo me ne sono capitate di tutti i colori...tipo ho sentito una signora dire al nipotino di non mettere i sassi in bocca.. "è cacca" gli diceva..." in bocca no, o ti crescono sassolini nella pancia".
Non oso pensare quando gli spiegherà come nascono i bambini. Paura.

Per il resto  pensavo proprio a quante "bugie a fin di bene" - ma anche no - ci sono state rifilate durante la nostra infanzia.

Quelle tipo "sui francobolli c'è la droga, non li leccare", tipo "non accettare caramelle dagli sconosciuti"... ma c'è una cosa che mi è tornata in mente ieri..che mi diceva sempre mia nonna, ogni volta che cadevo e mi sbucciavo un ginocchio e piangevo - da femminuccia, ovviamente- e lei immediatamente mi diceva "smetti di piangere, che se se ne accorgono le budella" (ossia, una parte di intestino, per chi non sapesse)  quindi la mia infanzia è stata scandita da questa cosa delle "budella", che mi avrebbero divorato se si fossero accorte  che piangevo perché mi ero ferita. Bello eh.

Ma la cosa che mi metteva maggiormente l'ansia, era mia madre che...ogni tanto, quando ero alle prese con la tv, se ne usciva con tono serio e sicuro dicendomi  "non stare troppo vicino alla tv, che potrebbe esplodere".  Roba che ti faceva passare la voglia di guardarla eh!

E voi?
Vi ricordate "spauracchi" del genere?
Quali leggende vi raccontavano da piccoli?
Cosa vi terrorizzava maggiormente?

Non siate timidi, questa nuova rubrica ha bisogno soprattutto di voi,
Commentate raccontandoci  i vostri spauracchi e le vostre leggende qui sotto e/o sulla nostra pagina facebook! Orsù!
Ne parleremo insieme. :) 

8 commenti:

  1. http://mikimoz.blogspot.it/2012/10/la-croce-nera-altre-leggende.html qui e
    http://mikimoz.blogspot.it/2012/10/il-profumo-del-mostro-selvatico.html ne ho raccolto un bel campionario... di tutti i generi... Ed è prevista anche una terza ed ultima parte :)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Il primo che mi viene in mente: Le processionarie.
    All'apparenza innocui bruchi che, ogni primavera infestavano il mio quartiere, ma apparentemente letali. Citando mia madre:

    "Non passare sotto agli alberi che loro lo sanno e ti cadono addosso"
    "Se le tocchi, muori"
    "Per ucciderle vanno bruciate"

    Stetti mesi a domandarmi perche' non abbattessero direttamente tutti gli alberi.

    RispondiElimina
  3. @Red46 Già! Le processionarie sono il male. Lo dicevano anche a me, di non toccarle, che vanno bruciate e di non interrompere la "processione"... anche.

    Ma mi raccontavano anche dei pipistrelli che si aggrappavano ai capelli. T_T"

    RispondiElimina
  4. Quella del non interrompere la processione qualche santo in cielo ha voluto risparmiarmela :D

    Non sei la sola Lyndin! La storia dei pipistrelli, venne raccontata anche a me, fortuna che vivendo a Roma, di pipistrelli la sera non ne ho mai visti.

    Altro dettaglio che mi e' venuto in mente: le gomme da masticare. Negli anni 90, nella maggior parte degli snack bars, c'erano dei giochi dove potevi vincere le biglie (uno era un flipper,l'altro controllavi con una manopola dei "ponti" basculanti di larghezza crescente) e dopo aver inserito le 200 lire, ti davano una gomma (rotonda, con guscio durissimo). Puntuale il saggio consiglio di mia madre:
    "Stai attento con la gomma eh, non ingoiarla, e appena finisce il sapore sputala. Se la ingoi, ti si incolla alle budella e il dottore ti deve aprire la pancia per toglierla"

    Al giorno d'oggi, non mastico molte gomme.

    RispondiElimina
  5. Quella sulle gomme da masticare la dicevano pure a me... di non ingoiarle, ma il fatto che s'attaccassero alle budella no, troppo drastico... a me dicevano che mi veniva mal di pancia (che poi tra l'altro è vero... è risaputo che le gomme da masticare contengono sostanze lassative :P).

    Piuttosto mi dicevano di non ingoiare i semi del cocomero, altrimenti me ne sarebbe cresciuto uno nello stomaco XD

    RispondiElimina
  6. Io sono cresciuta con il terrore della meningite.
    Ogni qual volta c'era un filo di sole, se volevo stare all'aperto dovevo mettermi "qualcosa in testa, altrimenti ti viene la meningite!"
    Vi giuro che ancora oggi sono a disagio se sto al sole senza cappellino... :)

    RispondiElimina
  7. Io mi ricordo quella dei pipistrelli che "ti si attaccando ai capelli e devi farti rasare" (di cui ho paura ancora adesso -.-'' ), poi quella delle cicche, di non mandarle giù come caramelle perchè se ti vanno nel tubicino sbagliato finiscono nei polmoni e muori soffocato! O.o
    Oppure quella del "non bere l'acqua dopo aver mangiato il gelato che ti viene mal di pancia".. che non è vero.. ma penso che lo dicessero perchè non sentendo magari la temperatura troppo fredda dell'acqua avendo ancora la lingua congelata dal gelato, si beveva velocemente rischiando una congestione.. mah!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella di "non bere acqua dopo il gelato" non la conoscevo mica... anche perché io devo bere per forza dopo aver mangiato il gelato...
      Ora non ricordo se pure da piccolo lo facevo, ma non mi è mai stato detto :/

      Elimina